Contattaci

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Contattaci

Le creme solari, amiche per la pelle.

Le creme solari, amiche per la pelle.
0 10 Luglio 2019

Le creme solari sono di estrema importanza e dovrebbero essere uno dei primi acquisti quando ci si avvicina al periodo estivo. Tutti sanno che l’esposizione al sole comporta molti rischi per la nostra pelle come scottature ed eritemi, il rischio di insorgenza di melanomi e carcinomi, formazione di rughe e segni di invecchiamento, perciò è necessario non sottovalutare le modalità con cui stare al sole. 

I principali consigli per limitare i danni alla pelle da un’eccessiva esposizione sono soprattutto quelli di evitare le ore più calde (dalle 12 alle 16), esporsi gradualmente ed utilizzare una crema solare con un indice UV adeguato. La scelta di una buona crema solare, con un fattore di protezione e adatto al proprio fototipo, richiede di considerare vari aspetti.

 In linea generale la scelta deve orientarsi su un prodotto che filtri tutte le radiazioni ultraviolette (UVB, UVA corti e UVA lunghi), che sia fotostabile (non si modifica con la luce), che non sia tossico o sensibilizzante, resista all’acqua e al sudore. In particolare occorre fare una precisazione sul tipo di filtro solare presente nelle creme per schermare i raggi UVB e UVA, infatti possono essere di due tipologie:

-i filtri chimici, quali salicilati, cinnamati, oxybenzone, octylcrylene, tendono ad assorbire le radiazioni solari per restituirle ad un più basso livello energetico e possono coprire tutto lo spettro delle radiazioni (UVA,UVB e UVC). Purtroppo si sono rivelati i  più inquinanti per l’ecosistema marino,

-i filtri fisici o minerali, invece, comportano un ridotto impatto ambientale e riflettono fisicamente i raggi solari. Sono rappresentati in genere l’ossido di zinco (zinc oxide) e il biossido di titanio (titanium dioxide) , sostanze che offrono una protezione efficace sia dei raggi UVA che UVB e danno alla pelle una colorazione bianca.

Nelle creme solari è importante  scegliere anche il fattore di protezione (SPF ovvero Sun Factor Factor), che ci dà un numero (da 6 a 50+) che indica il tempo che si può trascorrere al sole senza riapplicare la crema solare senza avere scottature. Si può scegliere la crema sulla base di questo indice, ma attenzione che un SPF con valore elevato non è più efficace di uno basso perché in realtà sono diversi i fattori che modificano la quantità di radiazioni solari che investe una persona: la durata dell’esposizione, l’ora, la posizione geografica e le condizioni meteorologiche. L’indice di protezione non deve essere l’unico fattore da considerare nella scelta di una crema solare.

In linea di massima è bene partire da un fattore 15 e già 30 è un indice elevato, che permette di restare al sole per un lungo periodo. SPF di 50 o +50 sono indicati per persone dalla pelle particolarmente chiara e sensibile.

Esistono specifici prodotti in commercio pensati appositamente per i più piccoli, che andrebbero comunque esposti al sole con qualche accorgimento in più. Meglio comunque adottare prodotti con buon INCI, con SPF alto, filtro minerale e possibilmente senza profumo.

Prima di utilizzare una crema solare, magari avanzata dall’estate precedente, occorre far attenzione all’indice PAO o alla data di scadenza riportata sulla confezione. Esiste infatti un periodo di utilizzo variabile (di solito dai 6 ai 12 mesi) entro cui i filtri presenti nelle creme solari sono ancora efficaci, una volta aperto il flacone. Utilizzare un prodotto oltre tale periodo equivale a non avere alcuna protezione sulla pelle quando ci si espone al sole.

BUON SOLE A TUTTI!

Angela 

La Pimpinella

Condividi:
Postato in Notizie da La Pimpinella

Leave a Comment